News curiose e interessanti per lettori "cazzeggianti"

Migliori tastiere da gaming, quali scegliere

Chiunque ami giocare con il pc sa bene come sia importante la scelta di un buon PC da gaming che soddisfi le proprie richieste di qualità e di resistenza. Non solo: quando si sceglie un pc da gaming è importante anche tenere conto delle caratteristiche che permettono di utilizzare al meglio il pc, come ad esempio la tastiera da gaming, che è un elemento fondamentale.

La tastiera da gaming è una delle periferiche più importanti, soprattutto quando si parla di pc, e consiste in quel prodotto che possiamo utilizzare per poter interagire direttamente con lo schermo. Una tastiera da gaming di alta qualità può comportare diverse facilitazioni specialmente nel lungo periodo: fortunatamente oggi come oggi abbiamo a disposizione una vasta scelta di prodotti di alta qualità delle migliori marche, come Roccat, Logitech, Razer ed altri prodotti che hanno ampliato lo spettro delle alternative per poter scegliere una tastiera da gaming che rispetti le proprie esigenze ma anche un certo budget. Ovviamente per chi si avvicina per la prima volta al mondo del gaming, la scelta potrebbe risultare complicata perché esistono tantissimi modelli e non si sa come scegliere quello perfetto per le proprie esigenze. Come fare una scelta accurata e che sia davvero all’altezza delle aspettative? Ecco di seguito le caratteristiche principali che una tastiera da gaming può avere per soddisfare le vostre esigenze.

Caratteristiche della tastiera da gaming

  1. Tipo di tastiera da gaming. Esistono innanzitutto le tastiere meccaniche, quelle a membrana e quelle ibride. L tastiera meccanica è quella classica, dove ogni tasto è connesso ad un interruttore, che genera il segnale. I tasti sono abbastanza alti e costano di più rispetto alle altre tipologie di tastiera da gaming a causa della meccanica sottostante. Si tratta di una tastiera da gaming molto resistente nel corso del tempo e quindi ideale per chi gioca molto. La tastiera da gaming a membrana è più economica, è dotata di una piastra elettronica che si trova sotto la tastiera e ricoperta da una morbida membrana di silicone, ha i tasti più bassi e quindi una migliore ergonomia in quanto non richiede poggiapolsi ed ha tasti più silenziosi. Infine, la tastiera da gaming ibrida è dotata di interruttori a forbice, con una cupolina di silicone che ricopre i tasti ma con un interruttore sottostante come nella tastiera classica: essa ha tasti maggiormente stabili e sono robuste e versatili, anche se non come le tastiere meccaniche.
  2. Formato. Il formato di una tastiera da gaming è quel parametro che indica la quantità di tasti presenti sulla tastiera. In particolare possiamo distinguere il formato Full con 104 tasti, quello TKL che ne ha 87 quindi manca quello numerico, il 7%% che è dotato di tasti freccia e comandi rapidi assieme alle lettere, e poi i modelli di tastiera da gaming 60% e 40% che però sono abbastanza rari da trovare. In linea di massima le tastiere predilette dai giocatori e quelle più facilmente reperibili sul mercato sono quelle TKL perché occupano un perimetro limitato di spazio e consentono di muoversi rapidamente.
  3. Layout della tastiera da gaming. Un’altra caratteristica da tenere in considerazione consiste nel layout, che in alcuni casi è italiano, ma può essere anche ANSI US con tasto di invio piccolo, e il modello ISO UK. Qui non c’è preferenza che tenga, la scelta è del tutto soggettiva.
  4. Keycaps. Si tratta di tasti, ed ovviamente la scelta del tipo di tasto ha un’influenza molto importante sulla scelta della tastiera da gaming nel complesso. La maggior parte delle tastiere è dotata di tasti di ABS, una plastica resistente e non troppo rigida che tende a diventare lucida man mano che passano gli anni, caratteristica che la rende anche abbastanza economica. Ma ci sono anche materiali come il POM che sono più resistenti nel tempo ed anche più costosi, mentre la tastiera da gaming con tasti in PBT è costosa ma anche molto rara.