News curiose e interessanti per lettori "cazzeggianti"

SEO per immagini, ecco come ottimizzarle 

aumentare visibilità sito web con la seoLa SEO consiste in quel complesso di tecniche di ottimizzazione del testo e del sito che mirano a renderlo più facilmente visibile nella grande giungla del web, rendendolo quindi più appetibile e facendolo salire nei motori di ricerca. Spesso ci si affida a degli esperti del settore per ottimizzare il sito, perché grazie ad essi è possibile migliorare l’intera struttura e la gestione SEO dei testi e del portale. Un fattore molto importante per ottimizzare tutto il sito è quello della SEO per immagini, che non deve mai essere trascurata.

Ogni sito web che si rispetti utilizza immagini: esse catturano l’attenzione del lettore, lo stimolano nell’immaginazione, e servono per rendere più fresco il testo, e più gradevole da leggere l’articolo.

Tuttavia anche le immagini vanno ottimizzate in ottica SEO per i motori di ricerca.

Ecco come si può fare per condurre una ottima SEO per immagini.

Impostare una foto per l’ottimizzazione SEO

Uno dei punti di partenza se si vuole ottimizzare le immagini sul sito è conoscere l’alt tag. Si tratta di un elemento html che aiuta il motore di ricerca a catalogare una certa immagine: insomma, si tratta del nome della foto o dell’immagine, e dargli un nome SEO friendly grazie alla presenza di una o più key aiuta a permettere al sito di trovare le immagini.

Una prima puntualizzazione: attenzione al formato che scegli per l’immagine, anch’esso ha un rilievo dal punto di vista SEO. Se puoi salva le immagini in JPG, che è un formato leggero e che è compatibile con praticamente tutti i dispositivi. Non che il PNG sia così malvagio, ma è un po’ più pesante. Inoltre sappi che puoi trovare tante bellissime foto libere da diritti nel web.

Per esempio, se per il tuo sito internet hai scattato l’immagine di una torta artigianale, la prima cosa da fare è salvarla con un nome che richiami il contenuto (ad esempio torta cioccolato artigianale di qualità).

Dopo di che, bisogna compilare anche le altre voci dell’immagine, una volta che la si abbia inserita nel CSM. Le voci sono:

  • il titolo (può essere anche il nome col quale hai salvato la foto sul pc).
  • la descrizione
  • la didascalia: questa serve per aiutare il lettore a capire meglio l’immagine (o citare l’autore, se la foto non è tua).
  • l’alt tag, detto anche testo alternativo (ad esempio: “una buonissima torta artigianale al cioccolato”). Evita nomi troppo generici (come “torta artigianale”).

Articolo scritto con la collaborazione di Egidio Imbrogno – Consulente SEO (https://egidioimbrogno.it).

Articoli correlati