News curiose e interessanti per lettori "cazzeggianti"

La tecnologia dell’aria compressa e i tipi di compressione

L’aria compressa rappresenta una speciale fonte di energia in grado di soddisfare molti aspetti del lavoro quotidiano in molte imprese, a fronte di un costo minimo di produzione. Prima di avventurarsi nell’uso dell’aria è opportuno dimensionare l’impianto, conoscerne almeno gli aspetti tecnici basilari, come ad esempio i principi della compressione.

L’aria compressa: l’importanza di averla disponibile pura e pulita

In uno stabilimento moderno l’uso dell’aria compressa è determinante per sviluppare i processi produttivi, indipendentemente dal fatto che l’aria stessa sia impiegata direttamente o indirettamente per la produzione di pezzi o semilavorati. L’aria può rappresentare l’energia per far funzionare impianti e macchinari oppure può essere a disposizione per lavorazioni secondarie, ma non per questo meno importanti.

Un impianto aria compressa inefficiente può provocare problemi alla salute delle persone e contaminare alcune parti o addirittura alcuni prodotti, con impurità, umidità e parti inquinanti. Ecco perchè diviene fondamentale disporre di aria trattata, al fine di poterla impiegare pulita, deumidificata e con pressione costante (senza troppe perdite). L’uso dell’aria compressa nelle industrie agro-alimentari oppure nel settore beverage, ad esempio, interessa molteplici applicazioni, ma è importante che sia pura e decontaminata per evitare la diffusione di batteri, parassiti e contaminanti vari.

I principi di base della compressione

L’aria compressa viene definita come quella disponibile ad una pressione superiore a quella atmosferica e ottenibile mediante l’impiego di un compressore. La compressione dell’aria può avvenire un due modalità.

Compressione volumetrica – La compressione volumetrica include compressori a vite, a camme, a palette,  compressori alternativi e i compressori orbitali. L’aria viene aspirata all’interno di una camera di compressione che viene poi chiusa. Il volume disponibile dettato dalla capienza del serbatoio viene ridotto in seguito all’ingresso dell’aria, la quale viene quindi compressa per liberare più spazio e consentire l’ingresso di altra aria, fino al raggiungimento di un rapporto di compressione prestabilito. Una volta raggiunto tale valore, una valvola “spara” fuori l’aria, scaricandola attraverso l’uscita, svuotando pian piano il serbatoio.

Compressione dinamica – Le palette di una girante accolgono l’aria aspirata e la veloce rotazione della “turbina” genera una velocità ancor più elevata che consente all’aria stessa di scaricarsi attraverso un’apposita valvola. L’energia cinetica generata dalla rotazione, viene trasformata in pressione statica, generando un rallentamento della velocità di passaggio dell’aria. La pressione, all’interno dei compressori a funzionamento dinamico, subisce un incremento. Il vantaggio dei compressori dinamici è che a fronte di una minima variazione della pressione di esercizio, si genera una variazione di portata molto più grande.

Alcuni usi dell’aria compressa in ambito industriale

Un compressore produce aria che viene distribuita all’interno dell’impianto, ma è bene chiedersi che utilizzo è possibile farne di questa preziosa risorsa che è molto impiegata a livello industriale, al punto di risultate la quarta fonte energetica in assoluto più utilizzata.

  • Gonfiare: l’aria compressa è utile per gonfiare camere d’aria, rivestimenti, gomme, in officine meccaniche o presso meccanici di auto.
  • Soffiare: il soffio d’aria è utile in molti ambiti, da quello più banale e intuitivo del giardinaggio o delle pulizie, a quelli più tecnici come ad esempio lo stampaggio materie plastiche per agevolare l’estrazione dei manufatti dagli stampi.
  • Verniciare: la verniciatura a spruzzo è comoda e pratica. Consente di risparmiare tempo, ma bisogna avere gli attrezzi giusti e un regolatore di pressione.
  • Sabbiare: i compressori più potenti sono quelli destinati alla sabbiatura industriale.
  • Pulire: l’aria compressa è utile per la pulizia di interstizi difficili da raggiungere in altri modi.
  • Levigare: collegando il compressore ad una macchina per levigare il lavoro si semplifica.
  • Lavorare: avvitatori, perforatori e altri utensili possono funzionare anche ad aria compressa.

Avere un’azienda in grado di fornire un servizio completo come Proservice srl è un vantaggio per l’impresa che desidera aggiornare il proprio impianto aria compressa o installarne uno nuovo.