News curiose e interessanti per lettori "cazzeggianti"

Come installare o sostituire le grondaie con le detrazioni fiscali

Le grondaie sono elementi di grande importanza per ogni edificio, perché raccolgono le acque piovane scaricandole a terra, impedendo in questo modo l’insorgere di infiltrazioni e muffa, entrambe pericolose sia per la facciata e le fondamenta del palazzo che per la salute delle persone.

Mantenere pulita ed efficiente la grondaia è quindi di fondamentale importanza, perché si eviterà in questo modo il deposito di foglie, rami e polvere che andrebbero ad ostacolare il regolare deflusso dell’acqua piovana, causando gravi problemi; solitamente la pulizia delle grondaie si esegue due volte l’anno, nei periodi primaverili ed autunnali.

La manutenzione delle grondaie però non sempre è sufficiente, e prima o poi arriva il momento di sostituirle, installandone di nuove: non esiste un modo univoco che possa stabilire quando sostituire la grondaia, per cui bisognerà controllare accuratamente alcuni segnali d’allarme, come una diffusione considerevole di ruggine piuttosto che l’integrità delle giunture, qualora dovessero presentare ingenti perdite d’acqua quando la grondaia è a pieno servizio.

Fortunatamente, l’installazione e la sostituzione delle grondaie rientrano nei benefici inerenti le detrazioni IRPEF per le spese di ristrutturazione edilizia, che permettono la detrazione fiscale in 10 anni per quanto riguarda il 50% della spesa sostenuta (con un tetto massimo di 96mila euro) evitandovi stress inutili di fronte a spese impreviste.

Questa tipologia di beneficio fiscale è stata introdotta in Italia nel 1997, per il recupero e la tutela del patrimonio edilizio, ed ogni anno la legge di bilancio sancisce i termini del bonus, che è quindi variabile.

La legge di bilancio 2020 ha prorogato fino al 31 dicembre 2020 la misura della detrazione al 50% con il massimale dei 96 mila euro, indicando tutti gli interventi che è possibile realizzare:

  • Manutenzione ordinaria (solo sulle parti comuni di edifici residenziali), straordinaria, di restauro e risanamento conservativo e di ristrutturazione edilizia (sulle parti comuni di edificio residenziale e sulle singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria catastale).
  • Ricostruzione o ripristino dell’immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi.
  • Realizzazione di autorimesse o posti auto pertinenziali.
  • Eliminazione delle barriere architettoniche.
  • Prevenzione del compimento di atti illeciti da parte di terzi.
  • Cablatura degli edifici e al contenimento dell’inquinamento acustico.
  • Risparmio energetico con particolare riguardo all’installazione di impianti basati sull’impiego delle fonti rinnovabili di energia.
  • Adozione di misure antisismiche.
  • Bonifica dall’amianto.

Gli interventi che riguardano la sostituzione delle grondaie rientrano nella cosiddetta manutenzione straordinaria, godendo a piena diritto del beneficio fiscale per ristrutturazioni edilizie.

Qualora fosse necessario effettuare questo tipo di intervento, la scelta migliore sarebbe quella di affidarsi ad un’azienda specializzata come EDILFUNI, evitando il fai da te.

Edilfuni è in grado di realizzare l’installazione e la sostituzione delle grondaie, e grazie all’edilizia acrobatica può realizzare qualsiasi tipo di intervento ad alta quota senza l’ausilio di ponteggi ed impalcature, con una serie di vantaggi considerevoli per il cliente: la tecnica su fune riduce la spesa ed accorcia i tempi di intervento, evitando così di arrecare disagi al palazzo ed ai residenti.