News curiose e interessanti per lettori "cazzeggianti"

Digitopressione, l’agopuntura fatta con le mani

digitopressioneUn trattamento di agopuntura senza aghi? Esiste e si chiama digitopressione, una tecnica che viene utilizzata in Cina da migliaia di anni e che poco alla volta sta prendendo piede anche in Occidente grazie alle lezioni dei corsi per massaggiatori. Tutto deriva dalla medicina popolare cinese che ha indicato diversi punti speciali di pressione che si trovano nella zona dei meridiani del corpo, gli stessi che si utilizzano solitamente nell’agopuntura

Come sostiene la medicina orientale, è in quei meridiani che passa tutta l’energia vitale e questi collegamenti servono a far funzionare al meglio i singoli organi o un insieme di organi. Ecco perché quando uno di questi meridiani è bloccato o non funziona al meglio, può insorgere una condizione patologica che porta ad un disturbo fisiologico. Ecco quindi che la digitopressione (così come l’agopuntura) hanno il compito principale quello di ripristinare l’equilibrio.

E allora come funziona questa tecnica che viene insegnata nelle scuole massaggio? I maghi della

digitopressione utilizzano tutta la mano, a cominciare dalle dita, ma anche i palmi, oltre ai gomiti e in alcuni casi anche i piedi per esercitare la giusta pressione sui vari punti energetici del corpo.

La seduta, che normalmente dura dai 40 ai 50 minuti, prevede che il paziente si sdrai su un lettini da massaggio e si lasci andare un modo che nel suo corpo di venga a determinare un riequilibrio delle energie, ma lo stesso effetto si ha sulla mente che viene liberata di tutte le energie negative.

Quali sono quindi i principali benefici per la salute che derivano dalla digitopressione? Si ritiene che sia un rimedio efficace contro cefalea e stress, tanto che basta una pressione del pollice per una trentina di secondi sul dorso della mano prima di massaggiare lentamente la zona interessata per almeno cinque minuti.

E ancora, per guarire dai dolori di stomaco ricorrenti, la nausea e il vomito dopo interventi chirurgici, trattamenti come la chemioterapia oppure collegati alla gravidanza, contro l’insonnia (basta tenere il palmo della mano rivolto verso l’alto e di pizzicare la parte interna del polso), il gonfiore addominale per il quale si deve trovare un punto sulla parte esterna del polso sopra l’attaccatura della mano, le gambe pesanti e i piedi gonfi, l’insonnia e anche il miglioramento dell’artrite oltre al miglioramento dell’umore per combattere la depressione.

Come viene insegnato nei corsi di massaggio professionale, ci sono poche avvertenze contro la digitopressione: va effettuata lontano dai pasti principali e non è consigliata per chi soffre di tumore, in caso di  artrite reumatoide, lesioni spinali o malattie ossee, nelle donne in stato di gravidanza oppure in presenza di vene varicose.